Main Menu
Login
Username

Password

Ricordami
Hai dimenticato la password?
Senza account? Creane uno!
Online
Sono online 197 ospiti
Statistica Utenti
17936 registrati
923 questo mese
ultimo: AndreHal
30
11
eyes on vjs #01 Nov07
by selfish
Stampa E-mail
Scritto da selfish    venerd́, 30 novembre 2007 - Inserisci un commento

Si inaugura, con l’intervista a McFly, un nuovo spazio dedicato ai vj iscritti alla community.

Ogni mese un approfondimento su lavori, ispirazioni, aspirazioni dei componenti dell’eclettica scena italiana, cercando di dare spazio tanto a realtà affermate quanto ad i nuovi “attori” che si sono affacciati da poco in questo mondo. Un analisi direttamente dalla viva voce dei protagonisti su questo movimento.


(VJC:) prima di tutto parlaci un pò di te: chi sei, cosa hai fatto?
(McFly:) Ciao, ho conosciuto il vjing nel 2004, anno in cui ho iniziato le prime sperimentazioni visuali. Nel 2006 mi sono trasferito a Parigi dove ho avuto la possibilità di fare molta ricerca artistica lavorando in uno studio di creazione video ed eventi (www.vjevent.com) dove tuttora collaboro. Qui ho avuto modo di esibirmi come vj in molti locali francesi insieme all'amico vj visionflow (Florian Raffenne) del collettivo Kablevision, (www.kablevision.com) dove ho anche preso parte al progetto 22codeX, presentato al vision-r di Parigi.
Ultimamente mi sto concentrando sulle performance a/v ed installazioni video interattive nel progetto croix, (www.croix.it) abbandonando il concetto di proiezioni su schermi tradizionali 4/3 ed utilizzando tecniche e materiali non convenzionali quali teli semi-trasparenti e multi-proiezioni su oggetti, edifici e strutture architettoniche.
 

(VJC:) nella tua formazione, da cosa pensi di essere stato maggiormente influenzato e cosa ti influenza ancora oggi?
(McFly:) Se parliamo di video, indubbiamente la passione per il cinema fin da quando ero piccolo, ha contribuito a rendermi più curioso e attento a tutto quello che ruota attorno alla visual art. Anche il lavoro di web designer e fotografo ha fatto la sua parte. Ho studiato Elettronica e Telecomunicazioni e oggi mi viene facile sperimentare certe installazioni che ho in testa, grazie alle tecnologie messe a disposizione. Devo dire che oggi non ho ancora capito a chi e a cosa mi ispiro, sono solo un po' più attento rispetto ad un tempo.

(VJC:) cos'è un vj?
(McFly:) una parola ostica e compromettente :-) Meglio video/visual performer.

(VJC:) cosa non è un vj?
(McFly:) un video/visual performer.
 
(VJC:) vjset o livemedia?
(McFly:) Livemedia.

(VJC:) credi che ci possa essere una narrazione durante il vjset o si deve parlare di pura (o mera?) estetica?
(McFly:) Un liveset assume un certo valore quando si riesce a combinare sia narrazione che estetismo, spesso però ci si trova di fronte ad esibizioni dove la priorità è solo mostrare in maniera maniacale o al contrario narrare troppo, con contenuti discutibili. L'importante è dare significato a quello che si fa, non importa in che maniera e non credo esista una ricetta perfetta.



(VJC:) cosa intendi quando dici 'narrare troppo con contenuti discutibili, ti puoi spiegare meglio?
(McFly:) La narrazione intesa come mostrare immagini troppo significative spesso inganna lo spettatore. Laddove tutti si espongono visivamente con lo stesso modo narrativo nessuno narra un granché. Mi vengono in mente le proiezioni di guerre, scontri, televisione, ecc.. per denunciare ad esempio avvenimenti accaduti. Quando ci si concentra troppo sul messaggio che si vuole mandare allo spettatore, a mio avviso si può rischiare di non comunicare ciò che si vuole esprimere, tralasciando quello che è il vero valore del contenuto.
Questo tipo di utilizzo di immagini non è più narrativo ma ripetitivo.

(VJC:) materiale proprio o resampling?
(McFly:) dipende dai progetti ovviamente, spesso uso materiale non autoprodotto facendo attenzione alla selezione video e a come inserirli nel mio contesto. Per i progetti personali cerco di produrmi i contenuti.
Attenzione piuttosto all'uso che si fa del materiale non proprio. Il 'già visto troppe volte' dovrebbe evitarsi.

(VJC:) il computer come interfaccia fisica del liveset, limite o estensione?
(McFly:) sicuramente un estensione.

(VJC:) progetti in corso?
(McFly:) Sto lavorando ad un installazione a/v interattiva dove il protagonista sarà un pesce vero...
E per inizio 2008 un importante collaborazione sull'installazione 'cubes' con un producer di Berlino.
 
(VJC:) in che modo ti muovi per proporre te ed il tuo lavoro?
(McFly:) Attraverso internet e contatti acquisiti. Il classico e buon passaparola ancora oggi ha un forte potere comunicativo. Il problema fondamentale è che in Italia è difficile promuoversi soprattutto per i lavori commerciali, mentre per quanto riguarda i progetti personali partecipando ad eventi e festival, ottimi spazi per mostrare il proprio lavoro.
 
(VJC:) cosa odia un vj?
(McFly:) i vjs veline :-)

(VJC:) cosa ama un vj?
(McFly:) le sane collaborazioni con djs, producers o musicisti.
 
(VJC:) musicista preferito?
(McFly:) non ne ho uno in particolare.
 
(VJC:) video artista preferito?
(McFly:) senza ombra di dubbio il giovane Crustea. Credo che tutti un giorno ci ricorderemo di lui, sta lavorando su alcuni progetti davvero ammirevoli e molto interessanti.

http://www.croix.it/

www.myspace.com/vjmcfly

< Precedente
You are not authorized to leave comments - please login.