Main Menu
Login
Username

Password

Ricordami
Hai dimenticato la password?
Senza account? Creane uno!
Online
Sono online 225 ospiti
Statistica Utenti
17909 registrati
1117 questo mese
ultimo: xanaxudope
03
11
Eyes on vjs #08 November 08
by Besegher
Stampa E-mail
Scritto da besegher    luned́, 03 novembre 2008 - Inserisci un commento


Riparte l'appuntamento con "Eyes on Vjs".
Questo mese abbiamo intervistato Enzo Varriale e Gianluca Lisco in arte Lanvideosource.

(VJC) Chi si nasconde dietro la sigla Lanvideosource?

(LANVIDEOSOURCE) Lanvideosource è composto da Enzo Varriale e Gianluca Lisco. Viviamo e lavoriamo a Roma.

(VJC) Quale percorso ha portato alla nascita della vostra crew?

(LANVIDEOSOURCE) Abbiamo cominciato ad interessarci al video anni fa, in un laboratorio di cinema con il quale abbiamo girato un corto. La passione per il video ci ha spinti inizialmente verso vjing e live visuals anche perché condividiamo l’interesse verso il suono e le sue forme di visualizzazione. Abbiamo cominciato a fare vjing in vari locali e club italiani, sperimentando contemporaneamente l’interazione fra audio e video all’interno di performance ed eventi live. Siamo sempre stati particolarmente attratti dai flussi di informazione complessi, cercando di rappresentarli attraverso l’audio ed il video. Il nostro primo lavoro live è stato NoTv in cui abbiamo applicato le tecniche del vjing e del mixing audio/video alle comuni bande di frequenza televisive.

 

 

(VJC) Nella vostra formazione da cosa pensate di essere stati maggiormente influenzati e cosa vi influenza ancora oggi?

(LANVIDEOSOURCE) Nei nostri primi lavori, ispirati all’estetica dell’analogico, c’è il riferimento ai maestri della videoarte come Paik e i Vasulka. Nel vijing invece lavoravamo spesso con materiale campionato dal cinema d’autore. Nel Live Media hanno fatto scuola per noi i Rechenzentrum,  gli Otolab, Skoltz Kolgen, OginoKnauss ed altri. Col passaggio  ad un estetica più digitale  ci siamo ispirati alle performance minimali di Alva Noto oppure i lavori di visualizzazione e sonificazione dei Semiconductor. Gli elementi naturali sono stati per noi, e lo sono tuttora, grande fonte di ispirazione, sia nell’estetica che nelle gamme cromatiche.

(VJC) Cos’è un vj?

(LANVIDEOSOURCE) E’ un performer che sa miscelare le immagini in base ai suoni ed al contesto. Un buon VJ, secondo noi, è anche colui che ha una buona conoscenza della musica e sa in qualche modo prevederla ed accompagnarla durante il live. In pratica un buon VJ è capace di calarsi nella musica ed elaborarla internamente, scegliendo le immagini e le forme di missaggio più adatte, anche in base alla propria sensibilità ed al contesto performativo.

(VJC) Vj set o live media?

(LANVIDEOSOURCE) Perché non entrambi? Vj set e live media rappresentano due modalità di espressione diverse che non si autoescludono. Ci sono sostanziali differenze tra le due tecniche: mentre il vjing, almeno per noi, è molto basato sull’improvvisazione, nel live media rispettiamo strutture compositive e performative più rigide e costruite in base all’interazione e generazione diretta di audio e video. Ognuna delle due tecniche ci dà qualcosa a livello professionale e personale e quindi ci piacciono entrambe.



(VJC) Credete che ci possa essere una narrazione durante il vjset o si deve parlare di pura (o mera?) estetica?

(LANVIDEOSOURCE) Questo dipende, nel VJing, anche dallo stile musicale e dal procedere della musica durante la performance. Stili più o meno narrativi si possono adattare a vari momenti distinti, anche all’interno di uno stesso set. E’ difficile per noi vedere separate la narrazione e l’estetica poiché l’una e l’altra convivono costantemente nel lavoro del VJ. Si può avere uno sviluppo narrativo tanto usando immagini astratte quanto usando riprese e filmati di soggetti reali.

(VJC) Materiale proprio o resampling?

(LANVIDEOSOURCE) In questo momento nel VJing lavoriamo quasi esclusivamente con materiale da noi prodotto. A volte abbiamo usato clip prese dal cinema d’autore, dal web o dai canali televisivi. Ovviamente usiamo materiale nostro durante i live A/V.

(VJC) Il computer come interfaccia fisica del liveset, limite o estensione?

(LANVIDEOSOURCE) Il computer è una risorsa nel live set. Sia nel momento della composizione che in che in quello performativo. Il fatto che si stiano moltiplicando i modelli di controller, touch pad o altri tipi di interfacce di controllo, dimostra che il computer è già parte integrante della maggior parte dei set, non solo per questioni di costi. Una interfaccia fisica è molto più immediata del mouse e certamente più divertente.

 
 


(VJC) Mi parlereste dei vs progetti attuali?

(LANVIDEOSOURCE) A parte le performance di VJing, componiamo tracce audiovisive generative. Abbiamo prodotto da poco Synaesthetic Insula un’opera audiovisiva sull’isola di Capri. Inoltre produciamo tracce musicali ed immagini grafiche. Gli ultimi lavori come Really Simple Seeds sono in linea con la sperimentazione nell’ambito della decodifica dei flussi informativi. Lavoriamo con VVVV, per creare mapping generativo delle frequenze sonore. Contemporaneamente non rinunciamo ai vj set, nei quali proporre l’estetica alla quale stiamo lavorando.

(VJC) Progetti futuri?

(LANVIDEOSOURCE) Contribuire alla creazione di un network italiano di VVVV.
Cercare di potenziare l’utilizzo di questo software come risorsa per i VJ, lavorando alla costruzione di un’interfaccia per il mixing live. Il nostro interesse verso i flussi di informazione complessi ci porta sempre più a concentrarci su materiali provenienti dal Web o dal motion capturing.

(VJC) Quali sono i software che usate durante le vostre performance live e quali per il vjset?

(LANVIDEOSOURCE) Nel live audio/video facciamo uso estensivo di Reaktor5 e VVVV. Nei VJ set i classici Resolume e Modul8.


(VJC) Quale software consigliereste a chi sta muovendo i primi passi nel vjing?

(LANVIDEOSOURCE) Consiglieremmo Resolume e Modul8 i quali, nonostante le buone potenzialità, hanno una curva di apprendimento molto rapida. All’inizio noi usavamo Composite Station.

(VJC) Come vedete la scena attuale del vjing italiano?

(LANVIDEOSOURCE) In evoluzione e sviluppo, anche con il crescente interesse dei VJ nostrani verso estetiche proprie della live performance e verso la sintesi diretta delle immagini. L’interesse crescente di club e locali verso il vjing può contribuire alla moltiplicazione delle crew e promuovere lo sviluppo di stili più diversificati. Si spera che tutto ciò favorisca anche la creazione di nuove opportunità di lavoro per i VJ.



link correlati:

www.lanvideosource.net


www.myspace.com/lanvideosource


www.vimeo.com/lanvideosource

 

< Precedente   Successivo >
You are not authorized to leave comments - please login.